Nuovo sito web, Passo 2 – L’installazione della piattaforma typo3 su Xampp per la creazione di un template

by

Oggi come secondo passo andro’ a vedere come si effettua l’installazione di typo3 sul mio Xammp (per chi non sa’ cosa Xampp sia rimando al mio articoletto ) , dopo aver caricato la pagina ufficiale del CMS typo3 per cimentarmi nella ricerca di una guida d’installazione mi viene un dubbio, non e’ che sara’ impossibile trovarne una versione in Italiano del sito? infatti dopo una breve ricerca scopro che esiste un sito che parla del CMS, non dice esplicitamente di essere ufficiale ma lo prendo come se lo fosse.

more…

Nuovo sito web, Passo 1 – La scelta della piattaforma

by

Oggi mi e’ balzata alla testa l’idea di fare un nuovo sito, la prima domanda che si sono posto e’ stata:

Da dove inizia tutto?

Io ho iniziato con la scelta di un CMS, le opzioni erano svariate dal partire da zero costruendo tutto “from scratch” oppure iniziare da una base CMS pre-confezionata e produrre un tema personale che ci permetta di esporre i contenuti in maniera “nostra” ed ovviamente totalmente XHTML compatibile (non ci crederete ma molti CMS non adattano un software-core molto funzionale ad un tema facile con buone caratteristiche di navigabilita’) anzi molti temi di default sono proprio un disastro dal punto di vista della comprensione e della leggibilita’ da parte dei motori di ricerca).

more…

61mo Festival d’Avignon “Hommage aux Justes de France (Tributo ai Francesi giusti)

by

All’ olocausto della Seconda Guerra Mondiale e lo sterminio degli giudei si e’ sempre interessata la artista/fotografa francese Agnes Varda, che ha contribuito alla realizzazione di opere da parte contemporanea mista, dalla fotografia alle installazioni, che hanno sempre avuto ripercussioni non indifferenti nell’animo del suo publico sempre piu’ vasto ed interessato. Il pezzo specifico esposto al 61mo Festival d’Avignon e’ un tributo a tutti coloro che si sono impegnati nella protezione di persone Giudee ed ebraiche nel corso del periodo del regime Nazista, con disinteressata voglia e profondi principi d’animo. Nel Gennaio 2007 l’artista e’ stata sponsorizzata in maniera eccezionale e principalmente per motivi di riconoscimento dal Ministero della Cultura (Francese ovviamente) al fine di realizzare una installazione che fosse esposta al Pantheon di Parigi, questa e’ proprio la ” Hommage aux Justes de France”, opera definita di insostituibile valore morale e proprio per questo esposta anche al 61mo festival d’Avignon.

Le persone salvate dal razzocinio indiscriminato dei Nazisti sono state 20757 nel mondo e quelle nel caso specifico della Francia sono 2725, questa grande quantita di soggetti salvati in Francia ha fatto si che venisse conferito ai Francesi il titolo di gratitudine ‘Van Vashen Memorial’, titolo istituito a Gerusalemme nel 1953 in simbolo di rispetto verso tutti coloro che abbiano aiutato Giudei.

L’installazione nello specifico tratta di un grande cerchio in mezzo ad una stanza con sopra I volti di tutte le persone che sono state coinvolte scoperte o no a nascondere ebrei.

Attorno a questo cerchio si trovano quattro schermi che proiettano a meta’ in bianco e nero in un contesto storico e meta’ a colori le presunte storie di alcuni dei vari personaggi delle cui foto si trovano nel cerchio.

In una magnifica atmosfera naturalistica con foto di alberi di dimensioni non indifferenti l’artista ha installato questi video che provocano un contrasto interno nella visione di due realta’ una cosi’ bella, quella naturale ed un’altra contrapposta.

Installazione visibile a: Miroiterie, Avignon, Francia

Prezzo dell’ingresso: Gratuito.

Cosi alla fine vado via.

by

Nella mia breve vita  dico breve in quanto sono molto giovane poche cose ho ritenuto davvero essenziali ed effettivamente non me ne pento neanche adesso, credo di aver sempre saputo apprezzare come moltissima gente fa abiti puliti, buon cibo e belle giornate.

Negli ultimi anni qualcosa comunque non mi ha soddisfatto anzi mi ha proprio reso la vita difficile, la mia situazione lavorativa, il mio grado di istruzione in pratica se non e’ troppo mi sono reso conto che nonostante avessi 22 anni la mia vita era quasi terminata.

Il senso della frase e’ molto distante da cio’ che pensate, avevo un lavoro sicuro, una ragazza sicura, una casa sicura, tutto cio’ di cui un’italiano medio non si sarebbe mai ravveduto.

Ma era davvero questo cio’ che desideravo?

Fare il Carabiniere?

Sposarmi ed avere figli?

Avere una casa da mantenere?

Avere una morte sicura dopo una vita di routine ed attesa?

Ho deciso di no!

Si esattamente, dopo avere letto per la seconda volta il Libro di Fabio Volo (Persona che stimo e ringrazio tantissimo) ‘Un posto nel mondo’  ho deciso anche io di buttarmi per cadere verso l’alto.

Auguratemi buona fortuna!